Tutti gli articoli di Ufficio stampa FYA Riccione

fya_marign

Fya Riccione pronta al via: blocco storico, 10 giovani del vivaio e 10 acquisti

In attesa dell’eventuale ripescaggio in Eccellenza il ds Tamai ha allestito una squadra di qualità pronta per entrambi i campionati. Confermatissimo il mister e i “vecchi”, spazio ai baby del settore giovanile e a 10 arrivi

Aspettando il verdetto sull’eventuale ripescaggio in Eccellenza, la Fya Riccione è pronta per dare il via ufficiale alla stagione 2016/2017 e lo farà il prossimo 1 agosto con l’inizio degli allenamenti al campo di via Arezzo.

Il dubbio sulla categoria non ha scoraggiato il ds Pietro Tamai che ha allestito una squadra ambiziosa e pronta sia per la Promozione (con il chiaro intento di poter vincere subito) sia per l’Eccellenza (disputando un campionato tranquillo).

Tamai insieme al confermatissimo mister Luca Righetti ha posto le basi della Fya 2016/2017 confermando gran parte della rosa della passata stagione integrandola con acquisti di qualità e dando, come di consueto, ampio spazio ai giovani provenienti dal vivaio. Il blocco storico biancoazzurro sarò composto anche quest’anno da capitan Lepri con De Luigi, Savioli, Santucci, Grassi, Serafini, Cosmi, Ricci e Zavattini, giocatori di qualità che hanno garantito nell’ultima stagione un ottimo rendimento trascinando i biancoazzurri ad un passo dalla vittoria del campionato. I “vecchi” avranno il compito di fare da chioccia ai tanti giovani della rosa, ben 10 e tutti provenienti dal vivaio: Conti N. (’97), Conti C. (’98), Urbinati (’97), Suzzi (’98), Lunadei (’97), Zamagni (’98), Alberigi (’98), Tornati (’98), Nanni (’95), Bianchi (’98).

Alla voce acquisti invece si registrano 10 movimenti: i portieri Leardini (’96 dal Coriano) e Renzetti (’97 dal San Marino), i difensori Piscaglia (’92 dall’interno sammarinese), Sartori (’93 dalla Marignanese), Righetti (’86 dall’interno sammarinese), e Passeggio (’98 dal Misano), i centrocampisti/attaccanti Bjad (’92 dal Torconca), Gravina (’94 dal Misano), Zafferani (’96 dal Piandimeleto), Tamburini (’96 dal Castelfranco Veneto).

Non faranno più parte della rosa Pivi (’96 ceduto al Sant’Ermete), Casolla alla Giovane Cattolica), Facchini (al Coriano) e Barbanti (ancora non ha ufficializzato la destinazione).

Si segnala anche la partenza dei 5 juniores classe 1997 che dopo l’ottima stagione culminata con la vittoria del campionato si sono accasati in 1a categoria al Misano: Tontini, Muccioli, Ricci Nicolò, Tamagnini e Pietosi.

febbre_venerdi

La febbre del venerdì sera: allo stadio partite in notturna e giochi

Un’altra fantastica novità arricchisce l’estate della Fya Riccione: da venerdì 8 luglio ecco “La febbre del venerdì sera”, serate di gioco e partite in notturna allo stadio aperte a tutti i bambini e le loro famiglie.

Dalle 20.30 tutti i venerdì gli allenatori della Fya Riccione e della Riccione Femminile vi aspettano per trascorrere insieme qualche ora di svago e mentre i bambini giocano gli adulti possono rilassarsi nel giardino del bar con cocomero e bibite.

INGRESSO GRATUITO.

pele

Mercoledì 15 giugno a lezione di calcio, tutti insieme a vedere il film “Pelè”

Iniziativa dedicata a tutti bambini mercoledì 15 maggio che alle 20.30 potranno  scoprire insieme com’è nata una leggenda del calcio guardando tutti insieme il film “Pelè” in una sala riservata del Cinepalace. Una serata di calcio ed emozioni ‪#‎unaltrocalciosipuo‬

CINEPALACE RICCIONE MERCOLEDI’ 
15 GIUGNO ORE 20:30
Proiezione riservata alla Fya Riccione 
PREZZO SPECIALE: ingresso bambini con tuta di rappresentanza 4,00 Euro, ingresso adulti accompagnatori 4,00 Euro 

“Pelé, leggenda vivente, nasce in Brasile ma è universale. Il suo corpo si muoveva a tempo con un ritmo atavico e negro, che si adattava armoniosamente al movimento capriccioso della sfera. Le sue qualità muscolari gli permettevano di compiere qualsiasi prodezza; non sapremo mai, per esempio, se Pelé saliva dalla terra o scendeva dal cielo per colpire il pallone in piena fronte con il portiere come vittima e la rete come destinazione finale. Un’altra possibilità era che addomesticasse il pallone con il petto, atterrasse con i piedi a terra, e solo dopo aver atteso un paio di secondi, scegliesse un angolo dove segnare il gol. Sappiamo, questo sì, che il pallone era dalla sua parte, che esisteva un patto di mutua lealtà, di obbedienza”. Jorge Valdano

fya_sett_cop

Festa di fine anno con tutti i giovani e le squadre di Misano e della Perla Verde

Domenica 12 al Nicoletti partite, stand gastronomici, sfilata, fuochi d’artificio e animazione. Presenti tutte le squadre biancoazzurre, i ragazzi della Vis Misano e le altre società riccionesi. 

Ore 17:45 ritrovo allo Stadio di Riccione per Piccoli Amici 2008/09/10, Pulcini 2005/06/07 e Esordienti 2003/04;

Dalle 18:15 alle 19:30 mini partite nello Stadio e Antistadio in erba e sintetico;
Esordienti 2003/04 partita Fya Riccione – Vis Misano.

Dalle ore 19:30 alle ore 20:30 a tutti i tesserati verrà offerto da mangiare mentre per i genitori funzioneranno stand gastronomici a pagamento.

Le squadre Giovanissimi 2001/02, Allievi 99/2000, Juniores e Prima Squadra sono convocate per le ore 19:30.

Dalle ore 20:30 animazione con DJ Maurino, sfilata di tutte le squadre e spettacolo pirotecnico.

Tutti i tesserati (giocatori e allenatori) devono indossare la divisa.

 

 

barba

Barbanti, le mani sull’Eccellenza: “Niente rimpianti, ora vinciamo e basta”

Il numero 1 riccionese è carico per la finale play off con il Castrocaro in programma domenica al Nicoletti: “Affrontiamo una buona squadra ma non dobbiamo aver paura di niente”. “Ci aspettiamo uno stadio pieno come con la Marignanese, il pubblico sarà fondamentale per coronare il sogno” 

Fallito il primo match point, e smaltita la delusione per la mancata promozione diretta in Eccellenza, la Fya Riccione ha la seconda possibilità per il salto di categoria con la finale play off in programma domenica al Nicoletti contro il Castrocaro. 

I primi giorni dopo lo 0-0 con la Marignanese non sono stati semplici, ma come tutte le grandi squadre i biancoazzurri si sono subito ricompattati e si sono messi a capo chino per preparare l’ultima e decisiva gara dell’anno, come ci conferma il numero 1 della squadra Giacomo Barbanti: “I primi due giorni non sono stati facili, ma quando siamo tornati in campo abbiamo cominciato ad allenarci ai 200 pensando solo alla gara di domenica e lasciando da parte i rimpianti”.

Rimpianti che Barbanti non ha per la partita con la Marignanese: “Giocavamo contro una grande squadra e il pareggio ci poteva stare, se devo pensare ad un rimpianto dico Coriano, eravamo davanti e lì abbiamo lasciato i punti decisivi”.

Ma è difficile parlare di rimpianti in una stagione del genere: “Abbiamo disputato un campionato straordinario, rispetto all’anno scorso avevamo più consapevolezza nei nostri mezzi e fiducia nei compagni, 77 punti sono un’enormità, incredibile non siano bastati per la promozione”.

Ora però i 18 punti di distacco dati al Castrocaro contano poco, ci si gioca tutto in una partita che si preannuncia carica di tensione: “Abbiamo il vantaggio di avere a disposizione due risultati su tre – sottolinea Barbanti – ma non dovremo pensare a difenderci, non è il nostro modo di giocare; dobbiamo pensare a vincere come abbiamo sempre fatto quest’anno con la consapevolezza di affrontare una buona squadra che ha elementi validi soprattutto davanti”.

In queste gare la differenza la possono fare i dettagli, ma Barba ha le idee chiare: “Siamo stati la seconda miglior difesa del campionato, se facciamo la fase difensiva come sappiamo siamo un pezzo avanti”.

Un altro elemento che può fare la differenza è il pubblico: “Con la Marignanese è stato fantastico, avere più di 2000 persone a tifare per te è roba da Lega Pro; con il Castrocaro mi auguro ci sia lo stesso entusiasmo, per noi è fondamentale sentire la carica dei nostri tifosi, abbiamo bisogno di tutti per coronare il sogno”. Sogno che si chiama Eccellenza.

Appuntamento domenica alle 16.30 al Nicoletti in gara unica: la Fya Riccione ha a disposizione due risultati su tre in virtù del miglior piazzamento in campionato e in caso di vittoria dei play off sarebbe promossa direttamente in Eccellenza.

foto_gruppo

Il Rimini si aggiudica il 32° Torneo Mini Champions League

I Pulcini bianco rossi vincono nella serata finale con Santarcangelo, Accademia Rimini e Fya dopo un mese di partite e divertimento.
Grande soddisfazione da parte della società organizzatrice: “Portare avanti questo torneo dopo 32 anni è per noi motivo di grande orgoglio” 

Si è concluso con la vittoria del Rimini la 32a edizione del torneo pulcini Mini Champions League organizzato dalla Fya Riccione e svoltosi per tutto il mese di aprile allo stadio Nicoletti.

Nella finalissima andata in scena sabato sera allo stadio riccionese i bianco rossi hanno avuto la meglio dei padroni di casa della Fya Riccione, del Santarcangelo e dei cugini dell’Accademia Rimini, in una serata di sport, divertimento e grande partecipazione di pubblico.

L’edizione 2016 del torneo, riservata ai Pulcini nati nel 2005/2006, ha visto al via 20 squadre divise in 4 gironi con formula all’italiana; le partite della prima fase (2 tempi di 15’) si sono svolte fino al 20 aprile con tre gare a sera, mentre dopo i gironi si sono giocate le due serate di semifinale tra le prime due classificate di ogni girone (Rimini, Santarcangelo, Vis Pesaro e Villa San Martino da una parte, Fya Riccione, Fanella, Savignanese e Accademia Rimini dall’altra) con due giorni da quattro squadre da cui sono uscite le quattro squadre finaliste

Grande soddisfazione da parte della società organizzatrice Fya Riccione: “Portare avanti questo torneo dopo 32 anni è per noi motivo di grande orgoglio; quest’anno ci siamo spostati allo stadio e la scelta è stata molto apprezzata da tutti, i bambini in primis ma anche i genitori e tutto il pubblico hanno potuto vivere serate di grande divertimento e socializzazione, aspetto per noi primario. Un ringraziamento a tutte le 20 squadre partecipanti e tutti i nostri volontari che hanno reso possibile la buona riuscita della manifestazione lavorando tutte le sere”.

Nella classifica speciale dei marcatori premio a Matteo Nanni (Fya Riccione, 9 gol), Francesco Chiarabini dell’Accademia Rimini è stato invece premiato come miglior portiere, miglior difensore Federico Bianchi (Santarcangelo), a Filippo Tamai il riconoscimento come miglior centrocampista e ad Ahmetaj Kristen come miglior attaccante.

Accademia Rimini
Accademia Rimini
Kristen
Chiarabini
Nanni - miglior marcatore
Nanni – miglior marcatore
Santarcangelo
Santarcangelo
Bianchi - Santarcangelo
Bianchi – Santarcangelo
Fya Riccione
Fya Riccione
kristen
Kristen
Rimini - 1° posto
Rimini – 1° posto
Ramai - Fya riccione
Ramai – Fya riccione
fya_marign

Fya Riccione – Marignanese 0-0

Fya Riccione: Barbanti, Conti N, De Luigi, Lunadei (83’ Conti C), Lepri, Righetti, Santucci, Grassi, Zavattini (77’ Facchini), Serafini, Savioli (66’ Casolla). A disp: D’Ercoli, Ricci, Cosmi, Ferma. All. Righetti

Marignanese: Andreani, Sartori, Pasquinoni, Bolzonetti (88’ Politi), Mazzoli, Liera, Cuomo, Bezzi (51’ Santoni), Di Carlo, Brighi (73’ Sorrentino), Torelli. A disp: Passanti,  Mancini, Ballerini, Terenzi. All. Mancini.

Arbitro: Virgilio di Trapani (Dajci – Bertozzi)

Note: giornata soleggiata, spettatori 2500 circa

Ammoniti: Conti N, Santucci, Bolzonetti, Di Carlo, Righetti, Lunadei, Foiera

Era uno spareggio che valeva il campionato e a portarlo a casa è stata la Marignanese a cui bastava un pareggio. Finisce 0-0 il match clou del Nicoletti tra Fya Riccione e Marignanese davanti ad oltre 2000 spettatori, una cornice di pubblico straordinaria per la categoria. Partita nervosa e bloccata come giusto che sia quando ci si gioca il campionato, ma i ragazzi di Righetti possono recriminare per diverse palle gol non sfruttate mentre la Marignanese si è difesa con ordine e grande intelligenza.

Pronti via e al 4’ Zavattini ruba il tempo a Mazzoli e si invola verso la porta, il suo tiro è però sull’esterno della rete; al 6’ Bolzonetti calcia da 30 metri su punizione, il suo tiro è rimpallato dalla barriera, sulla ribattuta lo stesso Bolzonetti colpisce di controbalzo e centra il palo esterno. Numero di Santucci al 10’, l’ala biancoazzurra si libera e calcia dal limite, miracolo di Andreani che devia in angolo: sugli sviluppi del corner mischia in area Grassi calcia e trova Lunadei che non riesce a coordinarsi a due passi dalla porta. La Fya continua a premere collezionando angoli, al 23’ batte Righetti, Zavattini di testa sfiora il palo, al 36’ invece occasionissima per Serafini che si trova la palla all’altezza del dischetto ma tutto solo non inquadra la porta di sinistro, due minuti dopo Santucci si libera sulla destra, il suo sinistro però è alto.

Nella ripresa non cambia il copione della gara, la Fya è obbligata a cercare i tre punti e si spinge in avanti con forza, la Marignanese controlla senza osare.

I primi venti minuti scorrono via senza particolari emozioni, è Grassi ad infiammare il pubblico al 67’ con un destro da 30 metri fuori di poco. Due minuti più tardi azione insistita dei riccionesi con la palla che attraversa l’area 3 volte con cross di Santucci e Savioli ma alla fine gli ospiti si salvano.

Pericolo per la porta di Andreani al 75’: cross teso di Conti dalla destra, Foiera interviene male e sfiora l’autogol, la palla sibila a lato di un niente. All’ 85’ De Luigi salta alla grande di testa su angolo di Righetti, la sua incornata è alta di un niente. La Fya si butta in avanti collezionando angoli e punizioni dal limite ma manca sempre la zampata decisiva che sblocchi lo 0-0 e così la Marignanese può festeggiare la vittoria del campionato mentre per la Fya Riccione la strada per l’Eccellenza dovrà passare dai play off.

Clicca qui per vedere tutte le foto della giornata

copertina_marign

“Fya Riccione – Marignanese come una finale di Champions” – Intervista a capitan Lepri

Capitan Lepri cerca il recupero dopo un mese di stop e suona la carica: “Giocherei anche con una gamba ma decide il mister, per un calciatore è un sogno vivere partite come questa”
“I tifosi sono stati fantastici fino adesso, sabato speriamo si uniscano tanti riccionesi per darci la spinta in più e andare a prenderci l’Eccellenza”

Per un giocatore dilettante può benissimo essere l’equivalente di una finale di Champions League, una partita che per molti può capitare una volta nella vita: sabato al Nicoletti va in scena l’ultimo atto del campionato di Promozione, Marignanese (1a) contro Fya Riccione (2a) separate da un punto in classifica, in palio la gloria e l’Eccellenza.

L’emozione e la tensione in questi casi possono giocare brutti scherzi, in casa Fya Riccione a fare da pompiere, oltre al mister Righetti, ci sta pensando capitan Lepri, il giocatore più esperto, la bandiera della squadra.

Il capitano è out da qualche settimana per un infortunio muscolare, è stato vicino alla squadra sempre, domenica ha vissuto la partita di Dovadola sotto il diluvio, attaccato alla rete come un leone in gabbia, e ora sta cercando il recupero per la Partita con la P maiuscola: “In settimana mi sono allenato e sto proseguendo con la fisioterapia, ci proverò fino all’ultimo secondo, deciderà il mister ma io giocherei anche con una gamba”.

Lepri da buon capitano negli ultimi allenamenti ha studiato comportamenti ed emozioni dei suoi compagni: “Sono tutti sereni, ci siamo allenati come abbiamo fatto sempre quest’anno: ai duemila all’ora! C’è la convinzione che partite come quella di domenica possano essere un’occasione unica nella carriera di un giocatore, ma giochiamo per vivere emozioni come queste, centinaia di giocatori vorrebbero essere in campo, ci siamo noi e dobbiamo essere fieri”.

L’avversario e la sua forza non sono una sorpresa, e il numero 5 riccionese sa benissimo che partita dovrà fare la squadra: “Ci troviamo di fronte ad una squadra di valore, completa e organizzata, altrimenti non sarebbero lì dove sono; hanno a disposizione due risultati su tre e dovremo essere noi a fare la partita, non ci sentiamo inferiori e lo vogliamo dimostrare in campo”.

Una mano importante per coronare il sogno Eccellenza la può dare il pubblico e il fattore campo può essere decisivo: “I nostri tifosi sono stati fantastici fino a questo momento, domenica sono venuti a Dovadola in pullman e hanno tifato per 90 minuti sotto il diluvio, sabato saranno fondamentali e speriamo che a loro si uniscano tanti riccionesi per darci quella spinta in più per andare a prenderci l’Eccellenza”.

Fischio d’inizio del big match sabato alle ore 15.00.

Biglietti: 10€ uomini e 5€ donne, ingresso omaggio per tutti i ragazzi del settore giovanile che si presenteranno con la divisa sociale.

presentaz-

“Mio figlio è un fenomeno” – Venerdì 29 presentazione del libro di Fabio Benaglia

La società sportiva riccionese Fya Riccione organizza la presentazione del libro “Mio figlio è un fenomeno” del giornalista Fabio Benaglia.

E’ salutare, di tanto in tanto, mettere un punto interrogativo a ciò che a lungo si era dato per scontato.

E allora ecco una serata aperta a tutti gli allenatori, genitori, dirigenti, giornalisti, sportivi che vogliono coltivare il dubbio e porsi qualche domanda su come interagire meglio.

Le risposte? Proviamo a cercarle insieme, anche sfogliando questo simpatico e sorprendente libro “Mio figlio è un fenomeno” del giornalista Fabio Benaglia. Una raccolta di testimonianze che fanno sorridere e allo stesso tempo riflettere.

Ci vediamo Venerdi 29 Aprile ore 20:45 Sala San Martino (zona abissinia, sopra il supermercato a fianco sede associazione albergatori).

pivi

Dal settore giovanile alla 1a squadra, Pivi sogna l’Eccellenza

Il 20enne difensore biancoazzurro ha già vissuto da protagonista la promozione di due anni fa. “Non ho mai pensato in quale categoria avrei voluto giocare da grande ma solo che avrei voluto continuare, farlo nella società in cui sono cresciuto è davvero stupendo”

 

E’ cresciuto nelle giovanili, e nonostante i soli 20 anni già ha vissuto da protagonista la promozione dalla Prima Categoria e ora sogna insieme a tutta la squadra la vittoria del campionato e l’Eccellenza.

Alessandro Pivi è uno dei tanti giovani della Fya Riccione, da tre anni è in pianta stabile nella rosa di mister righetti e ora, dopo le due presenze consecutive con Forlimpopoli e Gatteo, si prepara per vivere al meglio le ultime due partite a partire dalla gara in programma domenica a Dovadola.

La storia di Pivi è quella di tanti bambini che cominciano a giocare a calcio vicino a casa per divertirsi sognando magari di diventare calciatori, in tanti a 18 anni o anche prima smettono, lui con caparbietà ha lottato per proseguire: “Non ho mai pensato in quale categoria avrei voluto giocare da grande ma solo che avrei voluto continuare – commenta il terzino biancoazzurro – farlo nella società in cui sono cresciuto è davvero stupendo, mi sono trovato sempre bene e per me è come una famiglia”.

Nel suo processo di crescita è stato molto importante l’aiuto, oltre al mister, dei compagni più vecchi: “Il primo anno di prima squadra ero il più giovane ma mi sono trovato subito alla grande, i “vecchi” Savio, Delu, e il Capitano mi hanno sempre aiutato molto sia in campo che fuori e tutt’ora per me sono un punto di riferimento importante”.

Veniamo ora al suo momento personale, dopo un avvio di stagione non brillantissimo: “Ho avuto un’annata di alti e bassi, ora finalmente sto bene fisicamente e sono pronto a giocarmi le mie carte per gli ultimi 180’”.

Domenica si va a Dovadola, gara che si preannuncia non facile: “Ci aspetta una partita molto complicata, loro ancora si giocano i play off, ma noi sogniamo qualcosa di ancora più grande e dovremo essere bravi a non pensare al match con la Marignanese dell’ultimo turno, facciamo quello che sappiamo fare e non ci saranno problemi”.

Per l’ultima trasferta dell’anno i tifosi stanno organizzando un pullman: “E’ fantastico che i nostri tifosi ci seguano, per noi è uno stimolo ulteriore per far bene; non è da tutti avere un gruppo di persone così vicine alla società che oltre a tifare sono attive nell’organizzare eventi e a dare sempre una mano”.

Appuntamento per domenica a Dovadola, fischio d’inizio alle 15.30